messicanizzazione italia

Abbandona l’Italia per Fuggire dalla Messicanizzazione

In questo report ti spiego il concetto di messicanizzazione e perché dovresti abbandonare l’Italia prima che sia troppo tardi e condannare i tuoi figli a vivere in un paese in declino, destinato a diventare come il Messico.

messicanizzazione italia

L’Italia ha perso il treno delle nuove tecnologie. Oggi le nuove tecnologie vengono sviluppate attorno alle grandi università e in Italia non ce ne sono. I centri di ricerca e di sviluppo sono negli USA, in Cina, in Giappone, in Corea e in Germania.

L’Italia è rimasta fuori dal grande ciclo di sviluppo di questa epoca perché ha un sistema universitario incapace di creare innovazione. Il mercato del lavoro italiano è destinato a lavoratori sottopagati. Infatti la maggioranza dei lavori in Italia non richiede alcuna competenza di alto valore aggiunto. I salari bassi rispecchiano questa realtà.

Le aziende non cercano ingegneri e laureati con alto valore aggiunto perché hanno produzioni di basso valore aggiunto. Quindi i salari sono bassi. I giovani più competenti emigrano all’estero dove gli stipendi sono più elevati e dove possono essere impiegati per mansioni che richiedono alte competenze.

Mentre gli altri paesi si prendono i nostri laureati, l’Italia importa immigrati privi di qualsiasi competenza. I nordafricani non hanno nessun skill. Almeno una volta venivano i filippini, i rumeni, gli ucraini che provenivano da paesi con sistemi scolastici di medio/alto livello. Oggi invece arrivano solo nordafricani e la qualità delle loro capacità è molto scadente.

Questa massa di persone deve essere formata e questo è un ulteriore costo per l’Italia.

Visto questo quadro, cosa succederà in Italia di qui fino ai prossimi 20-30 anni? Per rispondere a questa domanda ho deciso di prendere spunto dal pensiero di un famoso finanziere e investitore italiano, Alberto Forchielli (fondatore del Mandarin Capital) laureatosi ad Oxford in Economia.

Alberto Forchielli da diversi anni è il promotore di una lettura un pò particolare dell’Italia. Infatti questi definisce il processo di disgregazione in atto con il termine di “Messicanizzazione” .

Ma cos’è il processo di messicanizzazione dell’Italia secondo Forchielli?

Ebbene è un processo che si sviluppa in 3 grandi tronconi. L’Italia è destinata a dividersi in 3 grandi tronconi, vediamo quali sono:

Troncone 1: Grandi industrie di eccellenza che esportano

[amazon_link asins='1983562858' template='ProductAd' store='fotiam-21' marketplace='IT' link_id='c0e88366-1235-11e8-a063-eb832ceaabbb']Questo è il troncone che rende grande l’Italia all’estero, è ciò che ci fa ancora sedere al tavolo del G7 e ci fa essere uno dei pochi paesi con surplus commerciale. Insomma è il troncone che ci tiene a galla ed evita di farci finire tutti sul fondo.

Al Nord c’è Milano capitale del design e della moda, c’è il distretto dell’oleodinamica a Modena, le piastrelle di Sassuolo, i marmi di Carrara, il packaging a Bologna, il Franciacorta e il Prosecco in Veneto e Lombardia. Questa Italia è ancorata all’Europa e offre un grande valore aggiunto sui mercati internazionali. I loro prodotti sono il top di gamma nelle loro categorie e non subiscono flessioni in nessuna congiuntura economica.

Troncone 2: Aziende a basso valore aggiunto con lavoratori a nero

Il secondo troncone è composto dall’Italia in nero. Si tratta di grandi aziende a lavoro precario e sottopagato senza garanzie e senza contratti. Questa aziende sono spesso localizzate nelle zone più disagiate del paese e vanno di campi di pomodori a nero fino alle aziende dei cinesi senza controlli. Spesso sono aziende che si occupano dei gradini più bassi della produzione.

Le forze dell’ordine chiuderanno un occhio su queste realtà semi-illegali per evitare che la gente vada a delinquere. Queste realtà sono simili alle maquilladoras messicane, per intenderci.

Queste aziende saranno probabilmente di proprietà di immigrati che assumono altri immigrati. Faranno scarpe, seggiole, indumenti per bambini. Un esempio concreto è quello che accade a Prato con i cinesi.

messicanizzazione

Troncone 3: Delinquenza e criminalità

Infine c’è il terzo troncone fatto da criminalità organizzata che si diffonderà in molte parti del paese e che gestirà il racket, appalti e il mercato della droga. Questa realtà è già evidente in quartieri come Tor Bella Monaca (Roma) o a Secondigliano (Napoli). Sarà sempre più diffusa mano a mano che la situazione economica si farà più precaria.

L’obiettivo del governo dovrebbe consistere nell’evitare che questi 3 tronconi si mischino troppo, per evitare che almeno l’economia sana venga inquinata dal terzo troncone.

In questo scenario, il vero problema da gestire è quello dell’ordine pubblico e del controllo del territorio. Le infinite discussioni sulla crescita del PIL sono del tutto inutili, perché l’Italia ha già perso il treno del ciclo di sviluppo di quest’epoca. Piuttosto bisogna preoccuparsi di gestire questo scenario. L’economia sana deve essere salvata a tutti i costi.

Probabilmente i ricchi vivranno in quartieri protetti con le guardie armate e invece i poveracci vivranno in delle favelas. Questa è la visione dell’Italia di un uomo con una grande esperienza che ha lavorato alla Banca Mondiale e nelle istituzioni europee oltre ad aver avviato un business di successo sull'internazionalizzazione delle aziende italiane in Cina.

Per accedere all’articolo originale sul blog di Forchielli: http://bit.ly/messicanizzazione-italia

Cosa ne penso io? Non posso che essere d’accordo, infatti ho abbandonato l’Italia qualche anno fa per trasferirmi in paesi meno disperati.

trasferimento sicuro

Condividi su:
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Stai valutando di trasferire la tua residenza fiscale?

Lascia la tua mail e ricevi gratis le prime 25 pagine dell'eBook di TrasferimentoSicuro, dove scoprirai tutto ciò che devi sapere per scegliere dove trasferirti per liberarti delle tasse.
Cliccando su iscriviti accetti di ricevere newsletter, materiale commerciale e informativo da Trasferimento Sicuro.

Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie. Più Informazioni

INFORMATIVA SUI COOKIE Questo sito web fa unicamente uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookie. Di seguito sono riportate maggiori informazioni in merito ai cookie. TIPOLOGIE DI COOKIE Cookie tecnici Sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società di informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio" (art. 122, I comma, Codice della Privacy). Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate). I cookie tecnici di sessione hanno durata pari alla singola sessione di navigazione e vengono pertanto automaticamente cancellati al termine della sessione di navigazione. Le informazioni contenute nei cookie, come detto, hanno semplicemente finalità di carattere tecnico, non sono memorizzati né accessibili da personale del proprietario del sito. Il nostro sito web utilizza cookie tecnici 'di sessione'. Cookie analitici Sono assimilati ai cookie tecnici e sono quelli utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sugli accessi e numero di utenti e su come questi utilizzano il sito. Perseguono esclusivamente scopi statistici. Il nostro sito web non utilizza cookie analitici. Cookie di profilazione Sono quelli volti a creare profili relativi all’utente e sono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. Il nostro sito web non utilizza cookie di profilazione. Cookie persistenti Sono cookie che durano più a lungo, oltre quindi la chiusura della sessione del browser, utilizzati spesso per permettere al sito web di ricordare le scelte di un utente. Il nostro sito web utilizza cookies persistenti. Cookie di Terze Parti Sono i cookie impostati da un dominio diverso da quello visitato dall’utente. Si parla di un cookie di terze parti se un utente visita un sito Web e una società terza imposta un cookie attraverso quel sito. Il nostro sito web utilizza cookies di Terze Parti, in particolare di Google Maps, un servizio di mappe offerto da Google Inc. L'informativa estesa di Google si può consultare all'indirizzo: http://www.google.com/policies/privacy/ COOKIE UTILIZZATI SU QUESTO SITO WEB Questo sito web fa uso dei cookie tecnici ’di sessione’, persistenti e di Terze Parti. Questo sito web non utilizza cookie di profilazione. Come controllare ed eliminare i cookie La maggior parte dei web browser accetta i cookie, ma è possibile modificare le impostazioni del web browser in modo da rifiutare i cookie, disabilitare quelli esistenti o semplicemente essere informato quando un nuovo cookie viene inviato al proprio device. Per fare in modo che il proprio browser rigetti i cookie, fare riferimento alle istruzioni fornite dal provider del browser (solitamente all’interno del menù "Aiuto", "Strumenti" o "Modifica") . Si faccia attenzione che, rifiutando o disabilitando i cookie di sessione non sarà possibile la fruizione dei servizi offerti da questo sito.

Close